Mete
Le ultime news
Compagno di viaggio per l'ambiente,
la sicurezza e la salute

Procedura telematica semplificata per attività in regime di smart working

9
mar

Comunicazione massiva dei nominativi dei dipendenti che operano in regine di smart working, secondo quanto previsto dall’art. 4 del DPCM del 01.03.2020 (ora sostituito dall’art. 1, comma 1, lettera n) del DPCM del 04.03.2020)

Nell’ambito delle misure adottate dal Governo per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (coronavirus), il Presidente del Consiglio dei Ministri ha emanato il 1° marzo 2020 un nuovo decreto che interviene anche sulle modalità di accesso allo smart working.

Dal 04 marzo 2020 i datori di lavoro delle aziende di tutto il territorio nazionale possono comunicare con una procedura telematica semplificata ed in modo massivo i nominativi dei dipendenti che operano in regine di smart working, secondo quanto previsto dall’art. 4 del DPCM del 01.03.2020 (ora sostituito dall’art. 1, comma 1, lettera n) del DPCM del 04.03.2020).

La comunicazione è a livello aziendale, in quanto effettuata dall’impresa con modalità massiva, e non per singolo dipendente, come ordinariamente avviene per il deposito dei contratti di lavoro agile.

La struttura semplificata richiede l’indicazione dei dati anagrafici dell’azienda (per lo più precompilati dalla procedura informatica dal portale dopo che l’utente inserisce il codice fiscale della società). Alla comunicazione devono essere allegati:

• Autocertificazione in formato PDF/A sottoscritta dal legale rappresentante (sui contenuti non sono fornite al momento indicazioni precise, ma si fornisce in allegato proposta di format)

• Elenco dei lavoratori in formato excel ai quali è richiesto lo svolgimento della prestazione in smart working. Per l’elenco occorre utilizzare apposito modulo previsto dalla procedura, che richiede i dati anagrafici del dipendente, il suo codice fiscale, la PAT e la voce di tariffa INAIL applicata al lavoratore, la durata del periodo in lavoro agile.

Sul sito Cliclavoro

https://servizi.lavoro.gov.it/ModalitaSemplificataComunicazioneSmartWorking/

è on-line la nuova procedura da utilizzare per assolvere all’obbligo di comunicazione prevista dall’art. 23 della Legge 81/2017.

Attualmente, a conclusione dell’operazione, si ottiene il numero di protocollo della comunicazione trasmessa, ma non è visualizzabile la relativa ricevuta.
Non è consentito utilizzare la procedura per annullare o modificare precedenti comunicazioni.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di trasmettere al lavoratore l’informativa ai fini della salute e della sicurezza sul lavoro, indicata all’articolo 22 della Legge 81/2017. Tale obbligo può essere assolto utilizzando l’apposito fac-simile predisposto da INAIL e reso disponibile sul sito www.inail.it.

Format_autocertificazione del datore di lavoro_Smart WorkingFormat_autocertificazione del datore di lavoro_Smart Working

5
ago
Albo Nazionale Gestori Ambientali

Rinnovo iscrizioni categoria 2 bis

> maggiori info

21
lug
Nuovo decreto efficienza energetica

Entrata in vigore: 29 luglio 2020

> maggiori info

7
giu
AGENTI CHIMICI

Aggiornato l’elenco dei valori limite di esposizione

> maggiori info

28
mag
SOSPESO Bando ISI INAIL 2019

Rinvio a Febbraio 2021

> maggiori info

Sede principale

 

Via F.lli Magni, 2
29017 - Fiorenzuola d'Arda - Piacenza

tel: +39.0523.983377 r.a. 6 linee

fax: +39.0523.942828

e-mail: teco@tecoservizi.it

pec: teco@pec.tecoservizi.it


 

 

Accedi al nostro canale YouTube
Teco S.r.L. - P.IVA: 01161120330